Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Eataly: una spesa sempre più consapevole e sostenibile | Packaging Speaks Green

Eataly: una spesa sempre più consapevole e sostenibile

È partita la nuova campagna promossa da Eataly Lingotto, Conai e dai sette consorzi di filiera per il riciclo dei materiali di imballaggio in alluminio (CIAL), vetro (Coreve), carta e cartone (Comieco), plastica (Corepla), plastica bio e compostabile (Biorepack), acciaio (Ricrea) e legno (Rilegno).

Il primo punto vendita della catena specializzata nella distribuzione di prodotti alimentari italiani, inaugurato nel 2007 a Torino, ha deciso di abbracciare questa iniziativa continuando il percorso di sensibilizzazione del consumatore nei confronti del packaging, proprio nel luogo in cui l'acquirente fa la spesa.

A tale proposito, secondo un recente studio di Conai, gli italiani, nel fare acquisti agroalimentari, tengono in considerazione diverse caratteristiche ambientali del packaging quali: le informazioni sulla raccolta differenziata presenti sul packaging (il 54% del campione le cerca spesso o sempre); notizie sulla  riciclabilità dell’imballaggio (oltre il 50% controlla con elevata frequenza che la confezione sia riciclabile) e la presenza di altre specifiche di natura ambientale come per esempio il contenuto di materiale riciclato, l’utilizzo di materia proveniente da foreste gestite con responsabilità o la carbon footprint (il 50% considera spesso o sempre queste informazioni).

La nuova campagna informativa arriva sugli scaffali di Eataly Lingotto dove chi fa la spesa potendo scegliere da sempre i prodotti con grande consapevolezza, in termini di produzione, filiera e territori d’origine, ora può anche ottenere nuove informazioni sul packaging dei prodotti da acquistare, attraverso i cartellini e le targhe che raccontano i sette materiali impiegati per l’imballaggio, le loro caratteristiche e il modo in cui possono trovare una seconda vita, se accuratamente differenziati.

Conai, Comieco, Corepla, Coreve, Ricrea, Rilegno, Cial e Biorepack cercano di stimolare il consumatore finale, nel momento della spesa alimentare, informandolo su quanto sia importante, nell’ambito dell’economia circolare, separare correttamente carta e cartone, plastica, vetro, acciaio, legno, alluminio, e plastica biodegradabile e compostabile.

Grazie all’attività dei consorzi di filiera, che operano su tutto il territorio nazionale, per garantire un corretto fine vita ai rifiuti di imballaggio, In Italia, nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria, nel 2020 è stato avviato a riciclo il 73% dei rifiuti di imballaggio.

Il presidente di Conai, Luca Ruini, ha commentato: “Per il nostro Paese è un record, che supera di oltre tre punti percentuali i risultati dell’anno precedente. È stato realizzato grazie ai cittadini, che hanno differenziato e che continuano a farlo sempre meglio. La campagna informativa a Eataly Lingotto ce lo ricorda”.

Sabrina Torti, Head of Partnership di Eataly, ha aggiunto: “Informare ed educare alla consapevolezza è sempre stata una delle missioni di Eataly. Siamo felici di aprire le porte a questa iniziativa che aggiunge un’opportunità di riflessione tangibile al momento della spesa”.